Questo sito utilizza cookie tecnici e consente l'invio di cookie di "terze parti" al fine di effettuare misure di traffico per la valutazione delle prestazioni del sito. Per saperne di più, clicca sull'apposito bottone "Maggiori dettagli", che aprirà in modalità pop up l'informativa estesa, dove è possibile avere informazioni per negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando il bottone OK, o cliccando su una qualsiasi altra area del sito, presterai consenso all'uso dei cookie.
Indietro

AVVIO RACCOLTA TESSUTI DALLA CASA DI CURA GIOVANNI XXIII MONASTIER

News

AVVIO RACCOLTA TESSUTI DALLA CASA DI CURA GIOVANNI XXIII MONASTIER

14 dicembre 2016

Donare tessuti quando si è in vita? Da oggi è possibile anche presso la Casa di Cura Giovanni XXIII di Monastier

Donare un tessuto omologo significa sempre più migliorare le condizioni di vita di molti pazienti spesso vincolati a terapie lunghe e dolorose.

La Chirurgia Vascolare della Casa di Cura Giovanni XXII, diretta dal dr. Giancarlo Bisetto, da anni utilizza la vena safena omologa criopreservata per il salvataggio di arti severamente compromessi o considerati inoperabili, o in caso di infezione di protesi vascolari. La disponibilità della Banca dei Tessuti di Treviso nella preparazione di tessuto omologo ha consentito di ampliare le possibilità chirurgiche offrendo ai pazienti prospettive per una buona qualità di vita.

Ma non c'è trapianto se non c'è donazione!

Questo motivo ha portato all'avvio di un progetto che offre ai pazienti operati di safenectomia la possibilità di donare la vena safena, un semplice rifiuto ospedaliero che si trasforma in un nobile tessuto.

Grazie al gesto della donazione e alla stretta collaborazione tra la Casa di Cura, la Fondazione Banca dei Tessuti di Treviso Onlus, il Coordinamento Ospedaliero Trapianti dell'Ulss 9 ed il Centro Regionale Trapianti, si è raggiunto un traguardo di indubbia soddisfazione non solo per gli operatori che partecipano direttamente a questa attività, ma per l'intera rete.