Questo sito utilizza cookie tecnici e consente l'invio di cookie di "terze parti" al fine di effettuare misure di traffico per la valutazione delle prestazioni del sito. Per saperne di più, clicca sull'apposito bottone "Maggiori dettagli", che aprirà in modalità pop up l'informativa estesa, dove è possibile avere informazioni per negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando il bottone OK, o cliccando su una qualsiasi altra area del sito, presterai consenso all'uso dei cookie.
Indietro

Valvole cardiache decellularizzate

News

Valvole cardiache decellularizzate

16 febbraio 2015

I riceratori della Medicina Rigenerativa della Cardiochirurgia dell'Azienda Ospedaliera di Padova, diretta dal professor Gino Gerosa, hanno messo a punto una nuova tecnica rivoluzionaria per rimuovere tutto il materiale biologico delle valvole cardiache, permettendo una completa tolleranza immunitaria e lunga durata.

Fondazione Banca dei Tessuti di Treviso Onlus, grazie alla collaborazione con l'equipe di Padova, oggi è in grado di distribuire valvole cardiache decellularizzate: le valvole cardiache prelevate da donatore e crioconservate, vengono  private delle cellule mantenendo intatta l'architettura della matrice extracellulare trattata, senza modificarne le originali proprietà biomeccaniche ed emodinamiche. Il processo riduce la degenerazione preceduta dal danno endoteliale con infiltrazione di cellule infiammatorie e calcificazione tipiche degli impianti "homograf" tradizionali. La valvola, ridotta ad una sorta di impalcatura di collagene ed elastina, è in grado di durare più a lungo.